fbpx

Il Trenino Rosso del Bernina da Tirano a St.Moritz

Viadotto elicoidale  Se si va in alta Lombardia o Svizzera non può di certo mancare un viaggio con il celebre Trenino Rosso del Bernina da Tirano a St.Moritz. In inverno e in estate è un’esperienza unica da provare. Si parte da Tirano (Sondrio) a 429m s.l.m. passando vicino al Santuario della Madonna di Tirano si addentra nella Val Poschiavo.

Il Trenino Rosso del Bernina dopo pochi km entra immediatamente in Svizzera arrivando a Brusio conosciuta per la sua opera di ingegneria: il viadotto elicoidale. Questa spirale consente al trenino di alzarsi di circa 20 metri. Il Trenino viaggia a ruota libera senza l’uso della cremagliera (ruota dentata) e riesce a raggiungere una pendenza del 7% e ogni 100 metri raggiunge un dislivello di 7 metri di altitudine.

Viaggiare con il Trenino Rosso del Bernina Passo Bernina

Voglio raccontarvi le mie due esperienze con questo splendido mezzo di trasporto molto particolare. Il Trenino Rosso del Bernina ho avuto il piacere di prenderlo in inverno e in estate ed entrambe le stagioni hanno il loro fascino.

Partiti da Tirano si entra in Val Poschiavo per poi costeggiare il bellissimo lago di Poschiavo per poi salire sempre di più verso il Passo del Bernina. Lo scenario devo dire che cambia man mano che si sale permettendo una vista meravigliosa sulla Val Poschiavo. Arrivati su in cima finalmente al Passo del Bernina costeggerete i 3 laghi, il lago bianco, il lago nero e il lago piccolo, i nomi sono dati dalla grandezza e dai colori.

Ad ogni fermata del Trenino è possibile scendere e visitare il posto e consiglio di vedere il ghiacciaio “Pizzo Bernina”. Le due funivie di Lagalb e Diavolezza Bernina portano fino a 4029 metri di quota. Da li si inizia la discesa verso St. Moritz a 1775 metri s.l.m.

Il mio consiglio è quello di non mangiare e non comprare nulla a St. Moritz in quanto molto cara, un caffè 6,50€ assurdo!

In inverno e in estate il Trenino Rosso del Bernina da Tirano a St. Moritz mi ha dato grande emozione, ho viaggiato sia con il Trenino panoramico (grandi vetrate) sia con il Trenino classico. Un viaggio da fare almeno una volta della vita, anzi due in inverno e in estate.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Facebook